Stati Generali delle Donne ROMA - 5 Dicembre 2014

Noi, partecipanti agli Stati Generali delle donne del 5 dicembre 2014 , desideriamo esprimere riconoscenza alle autorità italiane e al parlamento europeo, per la ospitalità con la quale hanno voluto accogliere questo incontro delle donne che vivono in Italia , che ha consentito di riflettere su strategie efficaci dicambiamento affinché le donne con il loro lavoro siano poste al centro delle future politiche per uno sviluppo sostenibile del nostro Paese.

Siamo consapevoli della nostra responsabilità nel definire un’agenda per uno sviluppo sociale ed economico inclusivo e per la sostenibilità ambientale.
Crediamo che tale obiettivo possa essere conseguito grazie ad un processo di cooperazione internazionale che metta in evidenza il valore delle donne in quanto fonti di creatività e innovazione per lo sviluppo sostenibile e alla luce delle opportunità per le generazioni future.

Riconosciamo l’importanza di poter misurare l’impatto del lavoro delle donne in modo da trasformarlo in una priorità nell’ambito dell’agenda politica.
Dagli Stati Generali di Roma partiranno gli stati generali nelle regioni italiane per arrivare allo svolgimento della Conferenza Mondiale delle donne,Pechino vent’anni dopo a Milano,in Expo’ 2015,nel mese di settembre.

La collocazione della Conferenza Mondiale delle donne in Expo 2015 è fondamentale.
Ad Expo’ 2015 il tema è il cibo.
Noi intendiamo declinare il cibo nelle sue determinanti essenziali: il cibo è lavoro, è identità territoriale, è amore, è cultura.
Confidiamo che le Nazioni Unite,le Istituzioni preposte e tutti i Governi possano mettere al centro il tema del lavoro per ridare dignità ed autonomia alle donne.

– Leggi il documento completo (pdf)

contattaci

seguici su Facebook

contattaci