>

Archivio News - Stati Generali delle Donne

Vai ai contenuti

Menu principale:

 
-----------------------------------


Una giornata aperta e partecipativa con un ricco programma di iniziative:
Ore 09.30 – 13.00: relazioni
Ore 13.00 – 14.00: premiazione “Donne che ce l'hanno fatta” edizione 2017
Ore 14.30 – 19.00: workshop tematici proposti dalle donne degli Stati generali, con la partecipazione attiva del nostro Comitato Scientifico
Tutti gli aggiornamenti del programma e tutte le informazioni utili per partecipare e sono disponibili su questa pagina Facebook.

Il manifesto in pdf                                                         Il programma in pdf

Pagina Facebook

Canale Youtube

Riferimenti
Coordinamento nazionale Isa Maggi
mobile 00 39 366 2554736
mail isa.maggi.statigeneralidonne@gmail.com
Presidente Sgd Hub Rosaria Nelli
mail statigeneralidonnehub@gmail.com

-----------------------------------


G7 delle Donne - ROMA 7 e 8 APRILE 2017
Gli Stati Generali delle Donne 

Con il G7 di domani a Roma e il prossimo G20 di Berlino è arrivato il momento per noi donne degli Stati Generali di chiedere e pretendere misure concrete per ottenere più donne nel mondo del lavoro e creare una reale uguaglianza di genere...Chiediamo di adottare il “Patto per le Donne” che contiene politiche per consentire alle donne di entrare sempre più numerose nel mercato del lavoro e di attivare misure per garantire alle donne un lavoro dignitoso...

  • documento di presentazione dell'evento
  • Il G7 delle donne, per accrescere l`empowerment femminile - video intervista - www.economia.rai.it

-----------------------------------

“L'Europa che verrà”
#statigeneralidonne #europadelledonne
Due gli eventi:
16 marzo, Milano, Sala conferenze dell'Ufficio d'Informazione del Parlamento europeo sito in Corso Magenta, 59 – Milano, all'interno del Palazzo delle Stelline dalle 15 alle 18
Per registrarsi all'evento : clicca qui
25 marzo, Roma, Sala della Stampa Estera, dalle 9 alle 19
Per registrarsi all'evento: clicca qui

sintesi dell'evento e programma >

-----------------------------------

8 MARZO 2017 - DONNA e' FUTURO



L’8 marzo compie 100 anni, 1917-2017, per questa eccezionale occasione le donne tornano in piazza, a manifestare contro quello che ogni giorno subiscono sui loro corpi: la violenza, fisica, psicologica, culturale, economica.
Una giornata per confrontarsi su alcuni temi: lavoro e welfare, diritto alla salute sessuale e riproduttiva, ambiente, alimentazione, educazione alle differenze, percorsi di fuoriuscita dalla violenza.

leggi il programma >




-----------------------------------

NOVEMBRE 2016 - Nasce l'Associazione
Stati Generali delle Donne HUB

L'Associazione "Stati Generali delle Donne Hub", apartitica, apolitica e indipendente, ha carattere nazionale ed e' senza scopo di lucro, democratica, di promozione sociale, di formazione della persona e culturale, su base volontaria, che opera secondo i principi delle pari opportunita', dell'uguaglianza, per la difesa dei diritti, dell'ambiente e dei beni comuni, ponendo la centralita' del lavoro delle donne quale elemento imprescindibile di sviluppo equo e sostenibile.

continua >

-----------------------------------


Stati Generali delle Donne, Economia e Territori
Un “Patto per le Donne” ,verso la rivoluzione ugualitaria
18 novembre 2016 - Roma - Sala della Stampa Estera

Il 2015 è stato, per gli Stati Generali delle Donne, l’anno della “Carta delle Donne del mondo” , un documento condiviso da molti comuni, associazioni, scuole, università,sui risvolti ai giorni nostri dei lavori della Conferenza Mondiale delle donne, svoltasi a Pechino nel 1995.

Il 2016 è l’anno di “Un Patto per le Donne”. Scritto con il contributo di tutte e ancora oggi in evoluzione, il documento vuole portare all’attenzione del Governo i risultati del lavoro che gli Stati Generali hanno portato avanti nelle Regioni per definire con il Governo stesso gli obiettivi da raggiungere e iniziare a “trasformare i problemi in opportunità e le richieste in azioni”.

Portatrici di esperienze, di professionalità e d'idee concrete, le donne si stanno confrontando in molti luoghi nell'intento di aderire e rapportarsi al Patto per le Donne, per chiedere azioni concrete a favore delle donne soprattutto sul tema fondamentale del lavoro, e per contribuire quindi al riequilibrio del nostro sistema economico.

- Documento di sintesi integrale


-----------------------------------

#Unpattoperledonne 
(download pdf)

"Il futuro che vogliamo include le donne”
Il 5 dicembre 2014 all'avvio degli Stati Generali delle Donne a Roma abbiamo scritto il primo documento con oggetto gli obiettivi e la filosofia del nostro movimento.
Il 26 27 28 settembre 2015 abbiamo scritto la Carta delle Donne del mondo come documento condiviso dei lavori della Conferenza Mondiale delle donne,Pechino vent'anni dopo.
Nel 2016 proponiamo al governo Renzi “Un patto per le donne”, documento che descrive gli obiettivi da raggiungere per il lavoro delle donne, cosi come sono emersi dagli Stati Generali delle donne che abbiamo svolto in tutte le Regioni italiane.
E' il momento delle risposte, l'anno delle azioni, affinché i problemi diventino opportunità e le richieste si trasformino in azioni.
Grazie alle prime 10 amiche che con me hanno condiviso il Patto e apportato il proprio contributo.
Adesso il Patto deve essere diffuso e portato all'attenzione del Presidente Renzi, per un patto per le donne e un nuovo modello di governance per il lavoro delle donne.

Isa Maggi, Stati generali delle Donne,Sportello Donna
Marta Ajò, Roma,scrittrice e giornalista, Il portale delle donne,Roma
Miriam Bisagni, Consiglio delle Elette,Piacenza , Associazione Piace Cibo Sano
Chantal Certan,Conseillère régionale de la Vallée d'Aoste Groupe A.L.P.E.
Laura Moschini, GIO-Osservatorio Interuniversitario studi di genere.
Augusta Tognoni, magistrata in Milano
Cinzia Boschiero, giornalista, Milano
Roberta Bortolucci, Methasistemi, Bologna
Maria Grazia Giaume, Firenze
Rosaria Nelli, Chieti, SGD donne Abruzzo

Un Patto per le Donne è un percorso unitario di intervento sui territori finalizzato a creare nuova occupazione femminile nell’ambito dello sviluppo economico, produttivo ed occupazionale dell’Italia, per la cui attuazione è ritenuta necessaria un’azione coordinata, con il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati, in considerazione della strategicità e complessità degli interventi, nonché per accelerarne la realizzazione, nel rispetto delle disposizioni comunitarie e nazionali.
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu